25 Maggio 2024

Donation

ཚད་མེད་བཞི། Tsé Mé Shi - I Quattro Incommensurabili*
སེམས་ཅན་ཐམས་ཅད་བདེ་བ་དང་བདེ་བའི་རྒྱུ་དང་ལྡན་པར་གྱུར་ཅིག།
SEM CHEN TAM CHE DE WA DANG DE WE GYU
DANG DEN PAR GYUR CHIK
Possano tutti gli esseri avere la felicità e le cause della felicità,
སེམས་ཅན་ཐམས་ཅད་སྡུག་བསྔལ་དང་སྡུག་བསྔལ་གྱིི་རྒྱུ་དང་བྲལ་བར་གྱུར་ཅིག།
SEM CHEN TAM CHE DUK NGEL DANG DUK NGEL GYI GYU
DANG DREL WAR GYUR CHIK
Possano tutti gli esseri essere liberi dalla sofferenza e dalle cause della
sofferenza,
སེམས་ཅན་ཐམས་ཅད་སྡུག་བསྔལ་མེད་བའི་བདེ་བ་དང་མི་བྲལ་བར་གྱུར་ཅིག།
SEM CHEN TAM CHE DUK NGEL ME BE DE WA DANG
MI DREL WAR GYUR CHIK
Possano tutti gli esseri non essere mai separati dalla gioia suprema che è al
di là di ogni dolore,
སེམས་ཅན་ཐམས་ཅད་ཉེ་རིང་ཆགས་སྡང་གཉིས་དང་བྲལ་བའི་བཏང་
སྙོམ་ལ་གནས་པར་གྱུར་ཅིག།
SEM CHEN TAM CHE NYE RING CHAK DANG NYI
DANG DREL WE TANG NYOM LA NE PAR GYUR CHIK
Possano tutti gli esseri dimorare nell'equanimità, liberi da
attaccamento, avversione e dolore.
- I Quattro Incommensurabili sono: Incommensurabile amore, Incommensurabile
Compassione, Incommensurabile Gioia compassionevole e Incommensurabile Equanimità.

tratta dall' Arte del Buon Karma - dr. Nida Chenagtsang


Mudra della Generosità

Il gesto di elargizione, o gesto di generosità, è fatto con il palmo tenuto verso l'esterno e verso il basso, con tutte le dita sciolte o leggermente curvate verso l'interno. Rappresenta la generosità "a mano aperta" come la carità o la concessione di desideri, e di solito è fatto con la mano destra "metodo".

Questo mudra è molto comune tra le divinità pacifiche, in particolare quelle che svolgono le attività di buon auspicio di pacificare e arricchire. Le figure sedute mostrano più frequentemente il gesto di concedere doni con la mano appoggiata sul ginocchio e con il palmo aperto che rappresenta l'elargizione della gemma del dharma che concede desideri. Le divinità che elargiscono ricchezza possono tenere un attributo di arricchimento, come un gioiello o un frutto, nel loro palmo destro a coppa. Diverse divinità svolgono l'attività di 'piovere gioielli o nettare', facendo girare la mano destra e creando miracolosamente gioielli o nettare dal palmo aperto. Avalokiteshvara a undici facce tiene la terza delle sue quattro mani destre in un gesto di donazione conosciuto come "eliminare la fame e la sete" (Tib. bkres-skom sel-ba), dove un flusso di nettare si riversa dal suo palmo aperto per alleviare le brame dei fantasmi affamati o pretas.

Divinità come Tara Bianca, Sitatapatra e Avalokiteshvara dalle mille braccia sono rappresentate con un "occhio di saggezza" nel palmo di ciascuna delle loro mani. Questi occhi simboleggiano la loro incessante consapevolezza compassionevole, e si combinano con le loro cinque dita per rappresentare l'unione del loro metodo e saggezza come le sei perfezioni. Qui le cinque perfezioni del 'metodo' di generosità, moralità, pazienza, energia e concentrazione (rappresentate dalle cinque dita) sono sostenute da, o dipendono da, la sesta perfezione della saggezza (rappresentata dall'occhio al centro del palmo).

Beer, Robert. The Handbook of Tibetan Buddhist Symbols (p.223). Shambhala.

Translate »

You cannot copy content of this page